Graffiti online | Minecraft Wii U
15581
single,single-post,postid-15581,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

Minecraft Wii U

14 Gen Minecraft Wii U

IL RE DELLE COSTRUZIONI È ARRIVATO SUL GAMEPAD

Minecraft approda finalmente su Wii U
L’attesa è finita anche per i possessori della console Nintendo: finalmente Wii U ha la sua versione di Minecraft, sebbene questo accada con qualche anno di ritardo dal lancio e sia già disponibile per qualunque oggetto che abbia uno schermo. Il re delle costruzioni è arrivato sul GamePadPer coloro che non hanno provato almeno una volta questo titolo, si tratta di controllare un personaggio di nome Steve ed esplorare mondi generati casualmente, interamente composti da blocchi, il tutto con una grafica dal sapore vintage che ricorda i giochi a 8 bit: potete esplorare caverne, scavare, costruire edifici, combattere contro i mostri, coltivare campi e allevare animali… il vero limite è unicamente la vostra fantasia! Esistono due modalità principali, Sopravvivenza e Creativa. Nella modalità Sopravvivenza dovete fare i conti con la fame, con l’ambiente circostante e con i mostri che di notte escono a dozzine per farvi fuori; è fondamentale cercare un riparo, magari scavato nella prima montagna che trovate, e farlo in fretta, in quanto la notte non perdona arrivando prima che ve ne rendiate conto: è l’uomo contro la natura! Nella modalità Creativa non c’è alcuna difficoltà, Steve è in grado di volare e si ha accesso ad una quantità illimitata di materiale oltre che a qualunque oggetto esistente; in questa modalità, potete creare facilmente ogni tipo di costruzione dedicandovi solo a questo. Per infondere nel lettore quell’emozione che si prova davanti ad una nuova versione del gioco, cerchiamo di tornare per un attimo al 2009, anno in cui è uscita l’alfa giocabile su PC e in cui abbiamo sentito per la prima volta la magia trasmessa da questo titolo: parliamo del trovarsi a rivivere il primo giorno della modalità Sopravvivenza, di quella sensazione di angoscia che si ha quando ci si rende conto che, sfortunatamente, non abbiamo trovato un pezzo di carbone e, per questo, saremo costretti a passare la notte al buio dentro una buca o tra quattro mura tirate su alla bene e meglio. La conversione per Wii U ha soltanto la pecca di arrivare con un ritardo mostruoso ed è, come vedremo, tecnicamente inferiore alle versioni per PC, Playstation 4 e Xbox One ma di certo non deludente.

 MINECRAFT SUL GAMEPAD: UNA COMODITÀ…SPRECATA
Partiamo da quello che c’è di buono: Minecraft è completo di tutto, 60 frame al secondo anche in split screen orizzontale o verticale per due giocatori in locale e fino a 8 giocatori online con la possibilità di condividere i nostri mondi con loro e viceversa. Per comunicare si può utilizzare sia la chat vocale che quella di gioco che è implementata alla perfezione con il GamePad, abbastanza comodo per scrivere. Familiarizzare con i comandi, all’inizio, non è facilissimo (chi è abituato a Splatoon premerà X per saltare e otterrà l’apertura dell’inventario come risultato) ma basta poco per abituarsi. Il re delle costruzioni è arrivato sul GamePadUn consiglio che diamo è utilizzare, se lo avete, il Wii U Pro Controller, necessario qualora in cui vogliate giocare in due visto che, purtroppo, con Minecraft il telecomando Wii non funziona. Qui arriva il primo rammarico. Ci si sarebbe aspettato, vista la particolarità del GamePad della Wii U, una maggiore interazione con esso, ad esempio accedendo all’inventario in maniera più comoda invece di dover premere un tasto per aprirlo e muovere un cursore per spostare gli oggetti al suo interno (e muovere un cursore senza un mouse è davvero antipatico) oppure visualizzando la mappa di gioco o il tavolo per il crafting. Anche se non sono state implementate queste funzionalità, permane la possibilità, come in molti giochi Wii U, di giocare sul GamePad senza l’utilizzo della TV: senza dubbio la più grande qualità di questa versione, che vi permetterà di divertirvi comodamente anche a televisione spenta rimanendo nei paraggi della console (lo split screen è disabilitato). Ci troviamo di fronte a una versione ibrida a metà tra le console di vecchia e nuova generazione: si allontana da PlayStation 3 e Xbox 360 in quanto a colori, che qui sono molto più vivi, distanza di visualizzazione e frame rate ma non è all’altezza delle console di nuova generazione probabilmente a causa di un limite hardware di Wii U che, tra l’altro, ne restringe l’area di gioco ad una sola mappa contro le 25 presenti su PlayStation 4 e Xbox One anche se questo per un neofita (a patto che ne esistano ancora) non rappresenta un vero problema.

TEXTURE, SKIN, MASH-UP PACK E CREATIVITÀ

Per quanto riguarda le caratteristiche in sé, il titolo Mojang è un porting perfetto del gioco a cui apparentemente non manca nulla: ci sono tutti i biomi, i villaggi, i mostri, il Nether Realm e l’Ender Dragon, persino la modalità Avventura (poco giocata variante della Sopravvivenza in cui non si possono distruggere blocchi ma si può commerciare con gli abitanti del villaggio). In realtà, manca la modalità Hardcore che, in sostanza, è una Sopravvivenza in cui si può morire una sola volta. Il re delle costruzioni è arrivato sul GamePadProprio questa modalità offre, forse, l’esperienza di gioco più intensa in Minecraft e su Wii U non è da meno: come detto in precedenza, dopo aver superato il primo giorno ed esservi costruiti un riparo, avete a disposizione un’infinità di materiali con cui costruire attrezzi sempre più complessi attraverso i quali scaverete di notte, stando attenti alle creature sotterranee (basta evitare di andare verso i suoni poco sicuri) mentre il mondo esterno è popolato da mostri, e costruirete di giorno, in totale sicurezza. Sarà possibile forgiare armi e armature per affrontare, senza troppi problemi, i vari zombi, scheletri e ragni anche se il rischio di un creeper che si avvicina alle vostre spalle, pronto a esplodere, è sempre in agguato, specialmente al buio di una grotta poco prima di piazzare una torcia per illuminarla. Man mano che si avanza nel gioco, avrete la necessità di allontanarvi dal vostro primo rifugio per farne degli altri e, quando la distanza tra i rifugi sarà eccessiva, vi renderete conto di aver bisogno di un trasporto e, quindi, cercherete disperatamente un cavallo oppure, per i più pazienti, di costruire binari per trasformare i rifugi in vere e proprie stazioni. Certo, come per le altre versioni da console, sono assenti tutti quei mod che su PC hanno ormai modificato Minecraft a tal punto da avere al suo interno nuovi materiali, attrezzi o macchine inimmaginabili. Non disperate, perché il gioco include gratuitamente i pacchetti di skin Battle And Beasts 1 e 2 e quello natalizio che, qualora non lo sappiate, cambiano l’aspetto di Steve; gratuito è anche il pacchetto di texture dedicato al Natale che cambia tutta la grafica del gioco. Sono disponibili altri pacchetti di skin, texture e speciali pacchetti Mash-Up (con quest’ultimi, oltre a cambiare grafica e skin, si aggiungono elementi tipici come edifici e musica del tema a cui si ispirano) che però, sfortunatamente, sono a pagamento per una cifra che va da € 0,99 a € 3,99: tra questi segnaliamo quelli dedicati al Doctor Who, ai Simpson o a Star Wars e, nei pacchetti Mash-up, quelli di Skyrim e Mass Effect.

nessun commento

Scrivi un commento