Graffiti online | Percy Jackson e gli Dei dell’ Olimpo
15572
single,single-post,postid-15572,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

Percy Jackson e gli Dei dell’ Olimpo

Percy-Jackson

14 Gen Percy Jackson e gli Dei dell’ Olimpo

Percy-Jacksonll libro che ho letto si intitola “ Percy Jackson e gli Dei dell’ Olimpo”, scritto da Rick Riordan e pubblicato nel 2005

E’ un libro di genere mitologico, la cui storia si volge a New York. Il tema principale riguarda gli Dei dell’Olimpo, dei potenti che, con lo scorrere del tempo, si sono spostati dalla Grecia a Roma, fino ad arrivare a New York.

I personaggi principali del racconto sono Percy Jackson, un ragazzo testardo, impulsivo e combina-guai, Annabeth figlia di Atena, Grover il satiro codardo, e infine gli Dei dell’ Olimpo, tra cui Zeus, Poseidone e Ares, i Tre Pezzi Grossi.

Il libro parla di un ragazzo, Percy Jackson che non scopre di essere un semidio, fino a quando non arriva al Campo Mezzosangue, dove tutti i semidei si riuniscono. Li incontra la figlia di Atena, Annabeth e il satiro, mezzo umano mezzo caprino, Grover.

Dopo alcuni episodi accaduti nel campo, Percy scopre di essere il figlio di Poseidone, dio del mare così gli viene affidata una missione: recuperare le Folgore di Zeus, un’arma molto potente, che tutti credono sia stata rubata da Ade, il dio degli Inferi.

Una volta cominciato il lungo viaggio, Percy, insieme ad Annabeth e Grover, incontra diversi personaggi che cercano di ostacolare il loro viaggio; tra questi Ares, dio della guerra, Medusa, le Furie, tre streghe al servizio di Ade, ed infine Procuste detto lo “Stiratore”.

Per fortuna i giovani riescono a superare questi ostacoli, fino ad arrivare negli Inferi, dove incontrano Caronte, il traghettatore di anime, Cerbero il cane a tre teste ed infine Ade il dio degli Inferi.

Percy pensa di aver concluso la sua missione, ma scopre che la Folgore l’ha portata con sé per tutto il tragitto.

Arrivato sull’ Olimpo incontra Zeus e Poseidone; suo padre Zeus lo accusa di averla rubata, ma Percy spiega che la Folgore era stata presa da Ares e che quest’ultimo poi ha deciso di incastrare Percy per far accusare Poseidone e far scatenare la più grande guerra tra Titani.

Zeus riprende la sua arma e decide di credere a Percy. Il semidio per la prima volta riesce ad incontrare suo padre, anche se per poco tempo, perché subito dopo è costretto a ritornare al Campo Mezzosangue dove scopre qualcosa di davvero assurdo: la Folgore era stata rubata da Luke, un altro semidio, suo amico. Percy cerca di fermarlo, ma questi riesce a scappare.

Il libro si conclude con Percy che decide di rincasare, per poi ritornare al campo l’ estate successiva e ricominciare una nuova impresa.

Questo libro mi è piaciuto e mi ha appassionato molto. Leggendolo mi ha coinvolto, facendomi immaginare le vicende che si venivano svolgendo e facendomi sentire parte della storia

nessun commento

Scrivi un commento