Graffiti online | Mini Mini
15644
single,single-post,postid-15644,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

Mini Mini

15 Gen Mini Mini

mini_mini_antLa terza generazione della Mini ha dimensioni più generose (è lunga 382 cm, 10 più di prima; inoltre, è più larga di 4 e con il passo aumentato di 3) e uno stile rivisto evitando accuratamente ogni stravolgimento: per notare il muso più pronunciato, contraddistinto da una mascherina di maggiori dimensioni (con griglia a nido d’ape), serve un occhio attento. Più appariscenti i fari circondati dalle luci diurne led, tecnologia disponibile in opzione anche per i proiettori principali. Senza rinunciare a un’estetica originale – né alle finiture di buona qualità – l’abitacolo della Mini propone una nuova strumentazione: il tachimetro è ora in posizione classica, ossia dietro il volante (assieme al contagiri), e il suo posto nel grande “orologio” al centro della plancia è stato assegnato a un display (di 8,8 pollici negli allestimenti più ricchi). Assente il blocchetto di contatto: la chiave è elettronica e l’avviamento a pulsante. I motori (tutti Euro 6) sono nuovi e turbocompressi: quelli che muovono la Cooper (a benzina, 136 CV) e la Cooper D (a gasolio, 116 CV) sono entrambi 1.5 a tre cilindri, mentre le versioni più “cattive”, sono la Cooper S, equipaggiata con un 2.0 a benzina da 192 CV e la specialistica John Cooper Works sempre col 2.0 ma portato al limite dei 231 CV. Due le “entry level”: One 55 kW (da 75 CV) e la One D con un 1.5 turbodiesel da 95 CV. Completano la gamma una 1.2 turbo a benzina da 102 CV e la Cooper SD a gasolio da 170 CV. Tutti i motori sono provvisti di Stop&Start e abbinati a un cambio manuale; con sovrapprezzo per le Cooper si può avere l’automatico-sequenziale (sempre a sei marce). Agile fra le curve e dotata di ottime caratteristiche di aderenza, la Mini diverte anche grazie alle ottime qualità dello sterzo; quest’ultimo diventa ancor più pronto (assieme all’acceleratore) selezionando il programma Sport tramite il Mini Driving Modes (optional). – See more at: http://www.alvolante.it/listino_auto/mini-mini#sthash.9HAzM7R3.dpuf

nessun commento

Scrivi un commento