Graffiti online | La pizza il cibo più buono e famoso nel mondo
16010
single,single-post,postid-16010,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

La pizza il cibo più buono e famoso nel mondo

pizza

06 Mag La pizza il cibo più buono e famoso nel mondo

La storia

La pizza è, e sarà sempre, il piatto più buono e famoso non solo in Italia ma in tutto il mondo. Le sue radici, però, affondano in una storia molto antica: fu inventata dal cuoco Raffaele Esposito nel 1889 nella pizzeria Brandi di Napoli, in onore della regina d’Italia Margherita di Savoia, e condita con mozzarella, pomodoro e basilico per ricordare i colori della bandiera italiana. Sin da subito fu apprezzata da molte persone, tanto che la gente andava fino a Napoli proprio per assaggiare questo piatto. Con il passare degli anni la pizza si è diffusa in tutti i Paesi, anche se nessuno è riuscito mai a riprodurre la vera pizza napoletana. Insieme alla pasta essa simboleggia una parte della cultura italiana.

 

Ingredienti per 4 persone

900 gr di farina

30 gr d lievito di birra i

10 gr di sale

5 dl di acqua

500 gr di mozzarella

500 gr di passato di pomodoro

Olio extra vergine d’oliva q.b.

1 mazzetto di basilico

 

Preparazione

§  Mettere su un piano da lavoro la farina e aggiungere il lievito sciolto con l’acqua e il sale.

§  Versare l’acqua un po’ alla volta (la sua temperatura ideale dovrebbe essere di 25 gradi).

§  Lavorare l’impasto fino a che non diventa omogeneo.

§  Coprire l’impasto con delle pellicole trasparenti e lasciarlo lievitare. Mediamente dovrebbe impiegare circa 2 ore per raddoppiare il suo volume.

§  Dopo la lievitazione maneggiare ancora un po’ l’impasto, stenderlo e condirlo con mozzarella, passata di pomodoro e qualche foglia di basilico.

§  Cuocere in forno a 200-250 gradi.

 

 

Curiosità

Si raccomanda di non mettere insieme lievito e sale, ma diluirli in acqua. Al termine della levitazione non bisogna manipolare eccessivamente l’impasto per evitare che si indurisca.

Cosa aspettate a preparare e a gustare la vostra pizza???

 

Carusi Christian e Di Padova Valentina 2^F

 

nessun commento

Scrivi un commento