Graffiti online | IL PANETTONE UNA DELIZIA GASTRONOMICA NATALIZIA
16061
single,single-post,postid-16061,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

IL PANETTONE UNA DELIZIA GASTRONOMICA NATALIZIA

panettone-schar

09 Gen IL PANETTONE UNA DELIZIA GASTRONOMICA NATALIZIA

 

Il panettone, una delizia più unica che rara, ecco la sua storia che, con il suo sapore dolce, caratterizza il Natale.

Cos’è che è immancabile sulle tavole natalizie di noi Italiani? Ovviamente il panettone, un dolce caratteristico del Natale, nato a Milano e contraddistinto per il suo impasto soffice e ricco di tante particolarità, a partire dall’uvetta fino al cioccolato. In genere siamo abituati a comprarlo eppure prepararlo è cosi semplice, ovviamente, come ogni cosa, bisogna avere tanta pazienza. La sua origine è controversa perché alcune leggende narrano che questo pane così saporito, sia nato per “amore” di Messer Ughetto che, per conquistare la figlia del fornaio, si fece assumere come garzone e quindi cominciò ad impastare questo pane dolce che al giorno d’oggi è molto rinomato.

Un’altra leggenda narra che, presso la corte di Ludovico il Moro, uno sguattero di nome Toni, propose di servire in tavola il pane dolce che aveva preparato lui stesso quella mattina, formato da farina, uova, burro, scorza di cedro e qualche uvetta; dopo averlo assaggiato, riscosse molto entusiasmo. Ovviamente sono solo leggende ma, chissà … potrebbero essere vere! In generale possiamo dire che il panettone ha una forma cilindrica che termina a cupola e all’interno è formato da canditi e uvetta, ma per preparare l’impasto servono acqua, farina, burro, uova, scorze di arancio e cedro. Al giorno d’oggi il panettone può essere farcito con canditi, cioccolato, gelato, uvetta, mandorle ma talvolta può anche esserne privo. I pasticceri del nostro tempo sono riusciti a creare il panettone più costoso del mondo, costituito da bracciali di diamante e da una foglia d’oro alimentare da 22 carati.

A mio parere penso che il panettone sia stata una delle scoperte più gustose, che ha contribuito a distinguere il nostro Paese.

Curiosità: a Milano è tradizione conservare una porzione del panettone mangiato durante il pranzo di Natale, per poi gustarlo raffermo a digiuno, in famiglia, il 3 febbraio, festa di san Biagio, come gesto propiziatorio contro i mali della gola e il raffreddore.

Gualtieri Chiara – 2 F