Graffiti Giornalino online | NIKE… un marchio che lascia senza fiato!
16069
single,single-post,postid-16069,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

NIKE… un marchio che lascia senza fiato!

nike logo-The Tokenist

21 Feb NIKE… un marchio che lascia senza fiato!

 

Il nome dell’azienda è ispirato dalla dea greca della vittoria Nike. Questo marchio nasce il 25 gennaio 1964, quando Bill Bowerman vuole importare scarpe sportive Tiger dal Giappone.  Nel 1971 si ruppero i rapporti con i giapponesi che decidono di venderlo per conto proprio e il 30 maggio 1971 nasce Nike, con il logo disegnato, per 35 dollari, da una studentessa di grafica.   Negli anni  l’azienda amplia la sua linea di prodotti includendo vari sport e diventando il primo produttore mondiale di accessori e abbigliamento sportivo; crea felpe, tute, scarpe, palloni da calcio, diventando il fornitore ufficiale di palloni per la FA Premier League dal 2000 e per la Serie A e successivamente per Coppa Italia e la Supercoppa Italiana dal 2007  siglando un accordo con Puma nella stagione 2019-2020.

La Nike è stata criticata per le condizioni di lavoro e i metodi di produzione nelle fabbriche d’oltremare con cui ha contratti commerciali. Come riportato dai più importanti media internazionali, si è scoperto che l’azienda per anni ha sfruttato il lavoro di bambini, dai 5 anni di età, per cucire i propri palloni e vestiti.  Tali bambini venivano impiegati per 14-16 ore al giorno in condizioni igieniche pessime, per portare avanti lavori massacranti, in fabbriche buie e malsane. Nel luglio 2002 la Nike ha annunciato che i suoi stabilimenti sarebbero stati controllati dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro per salvaguardare e impedire lo sfruttamento minorile.    Dopo aver cancellato tutti i contratti con i suoi fornitori cambogiani e un  paio d’anni di forzato silenzio pubblicitario,  la Nike è tornata in Cambogia con proprie fabbriche aperte ai controlli internazionali sui diritti dei lavoratori, per impegnarsi a debellare la piaga sociale dei bambini-operai.

Anzellotti Nicolò   2D

Gualtieri Chiara     2F