Graffiti Giornalino online | LO SPORT DURANTE IL LOCKDOWN
16160
single,single-post,postid-16160,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

LO SPORT DURANTE IL LOCKDOWN

campichiusi

23 Dic LO SPORT DURANTE IL LOCKDOWN

Il governo ha annunciato che in Abruzzo non si potrà piu’ uscire e di conseguenza non si potrà nemmeno fare attività fisica all’aperto e al chiuso. Infatti, durante il lockdown, alcuni sport non possono essere praticati per evitare l’aumento di contagi da covid-19. Tra quelli piu’ conosciuti ci sono: Calcio, basket, pallavolo, tennis, rugby e atletica.

Questi sport possono essere praticati solo dai professionisti, infatti, tutte le competizioni professionistiche non saranno interrotte.

Alcune attività sportive come l’equitazione si possono invece praticare perché si mantiene sempre la giusta distanza tra una persona e l’altra e c’è poco rischio di contagiarsi.

Le piccole società sportive potrebbero riscontrare alcuni problemi. Purtroppo, non avendo molti soldi per portare avanti l’attività, c’è addirittura il rischio che la società fallisca.

Ora abbiamo intervistato un’alunna della classe 2 A dell’istituto comprensivo “Mazzini-Capograssi” di Sulmona che pratica equitazione.

Domanda: Voi che praticate equitazione, nonostante il virus, continuate la vostra attività. Sei contenta di questo?

Risposta: Per fortuna in questo periodo abbiamo continuato a fare attività perché si svolge comunque all’esterno e non è uno sport di contatto.

Domanda: Per continuare a praticare questo sport ai tempi della pandemia quali misure di sicurezza utilizzate?

Risposta: Quando si sta al maneggio, quindi non durante la lezione, bisogna stare con la mascherina e distanziati. Quando si fa lezione non è obbligatoria la mascherina ma è preferibile indossarla.

Successivamente abbiamo intervistato l’allenatore di calcio della squadra Gymnopedie di Sulmona.

Domanda: I ragazzi sono rimasti a casa per molto tempo a causa della pandemia. Dopo il lungo stop, ha notato qualche peggioramento delle prestazioni?

Risposta: Non ho visto dei peggioramenti, i ragazzi sono tornati ad allenarsi carichi e contenti e hanno dato tutte le loro energie, cosa che non potevano fare durante il lockdown.

Domanda: I ragazzi non vedono l’ora di tornare a divertirsi e ad allenarsi, anche lei aspetta molto questo momento?

Risposta: Gli sport dilettantistici sono stati tutti sospesi, ma servono molto per la crescita ed il divertimento dei ragazzi. Tutti vogliono tornare al campo, anche io, come allenatore, non vedo l’ora di tornare ad allenare. Tutti abbiamo voglia di tornare alla normalità, per riprendere l’attività fisica, ma anche per rivedere tutti i parenti e gli amici dopo questa brutta pandemia che ci ha permesso di fare poco quest’anno.

 

Andrea Ceccaroni

Andrea Torge