Graffiti Giornalino online | ICEBERG A-68a
16133
single,single-post,postid-16133,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

ICEBERG A-68a

iceberg-a68

13 Gen ICEBERG A-68a

L’allarme è stato dato dagli scienziati, che l’hanno chiamato A-68a, un blocco di ghiaccio che si è staccato nell’Atlantico del Sud. L’iceberg, grande quanto il Molise, ha cominciato a distaccarsi nel luglio 2017 dalla sua piattaforma e dopo un viaggio di circa 1500 chilometri ha rischiato di schiantarsi contro l’isola del South Georgia, il che avrebbe causato una vera e propria catastrofe, distruggendo  la vita sottomarina e moltissimi esseri viventi come foche, balene, albatros, più di 2 milioni di pinguini e altri uccelli marini, che dipendono dal mare per nutrirsi. Lo spostamento è iniziato da tre anni e non si è trovato il modo di fermarlo, un disastro annunciato i cui effetti si ripercuoterebbero sull’ambiente per almeno 10 anni. Negli scorsi giorni, però, il gigantesco blocco di ghiaccio è stato spinto da forti correnti sottomarine e si è frantumato in tre pezzi. L’impatto disastroso con l’isola sembra quindi essere scongiurato.

Michelle Casasanta

Maria Fatima Marchegiani

III A