Graffiti Giornalino online | I FUMETTI MARVEL: UNA STORIA FANTASTICA
16195
single,single-post,postid-16195,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

I FUMETTI MARVEL: UNA STORIA FANTASTICA

MARVEL

25 Mar I FUMETTI MARVEL: UNA STORIA FANTASTICA

Marvel Comics, conosciuta anche come “La Casa delle Idee”, è una delle principali compagnie d’intrattenimento al mondo famosa per i personaggi dei suoi fumetti come l’Uomo ragno, gli X-Man, Captain America, i Fantastici Quattro, Iron Man, Hulk, Thor, i Vendicatori e Devil. L’azienda venne fondata nel 1939 con il nome di Timely Publications e dai primi anni cinquanta iniziò a essere conosciuta come Atlas Comics; la denominazione Marvel risale al 1961, quando esordì la serie Fantastici quattro e altre dedicate a supereroi creati da Stan Lee, Jack Kirby, Steve Ditko e altri. La Marvel è stata acquistata dalla Walt Disney Company nel 2009. Il n. 1 della serie X-Men, pubblicato nel 1991, è il fumetto che detiene il record di vendite mondiali, circa 8 milioni di copie.

Anni quaranta e cinquanta

Nel 1939 decise di pubblicare una rivista a fumetti. La Marvel Comisc esordì il 31 agosto 1939 sotto il marchio Timley Comics. Per molti anni vennero presentati serie a fumetti come Namor, Angel, Ka-Zar, la Torcia Umana, Capitan America e altri personaggi minori anche se ancora non esisteva un vero e proprio Universo Marvel.

Anni sessanta

Alcuni anni dopo, Stanley Lieber, un nipote di Goodman, iniziò a lavorare per lui, prima con lo pseudonimo di Lee Nats, quindi con il nome che lo rese famoso, Stan lee. Fu anche il periodo in cui, soprattutto insieme a Jack Kirby, creò la maggior parte dei personaggi che popolarono quello che l’universo narrativo noto come Universo Marvel. crearono il gruppo dei Fantastici Quattro; Non sono eroi nel senso tradizionale del termine e non combattono il crimine nelle strade ma sono innanzitutto scienziati, astronauti ed esploratori. Per loro si conia il termine Imaginauts (immaginauti) e sono l’alba della Age of Marvels (Era delle Meraviglie). Le altre serie a fumetti pubblicate nello stesso periodo non riflettono ancora il cambiamento verso il genere dei supereroi che invece sarà graduale. Tali serie sono: Strange Tales, Journey into Mystery, Tales to Astonish, Tales of Suspense, Amazing Adventures, Kid Kolt, Gunsmoke Western, Millie, Love Romances, Teen-age romance, Linda Carter. L’anno successivo esordisce l’Uomo Ragno. In questo caso è un adolescente a ritrovarsi con superpoteri e diventa un supereroe. Questo stesso anno Lee e Kirby creano un altro personaggio al di fuori dei soliti canoni, Hulk, il quale esordisce con The Incredible Hulk, che però non riscuote successo e chiude dopo solo sei numeri. La coppia Lee-Kirby continua a creare nuovi personaggi e, ispirandosi alla mitologia fa esordire Thor. L’altro supereroe ideato in questi anni è Ant-Man, ovvero lo scienziato Henry Pym che scopre delle rare particelle subatomiche in grado di diminuire le sue dimensioni; Altri personaggi del periodo sonogli Skrull, Namor, Rick Jones, Dottor Destino e Loki. Dal 1963 la Marvel decide di concentrarsi sui supereroi, e viene introdotto il concetto di Universo Marvel, ovvero quell’universo narrativo comune, all’interno del quale i vari personaggi apparsi in serie differenti possono interagire fra loro; la Marvel invece crea crossover sulle serie già esistenti. Un esempio è proprio il numero di esordio della serie regolare dell’Uomo Ragno, The Amazing Spider-Man, dove Spider-Man si reca dai Fantastici Quattro per chiedere di farne parte; lo stesso mese i Fantastici Quattro si recano alla caccia di Hulk. In questo periodo esordiscono altri personaggi come i Vendicatori, Iron Man, i mutanti X-Man, Dottor Strange, Wasp e Magneto. Nel 1964, sulla serie The Avengers, ritorna Capitan America. Segue la serie Daredevil che racconta le vicende di un supereroe cieco, secondo personaggio con handicap dopo Charles Xavier, il mentore degli X-Men. Hulk viene pubblicato insieme a Giant-Man su Tales to Astonish e Capitan America ottiene una pubblicazione regolare su Tales of Suspense. Nello stesso anno esordiscono Goblin, Kang, i gemelli mutanti Quicksilver e Scarlet su X-Men, Vedova Nera, Occhio di Falco e Wonder Man. Fra il 1967 e il 1968 la Marvel conosce il periodo di massima espansione che porta al lancio di nuove testate come Ghost Rider di genere western-soprannaturale. A partire dal 1969 vi è un calo delle vendite legata all’incapacità del mercato di assorbire l’espansione dell’offerta di albi di supereroi che aveva caratterizzato la politica Marvel nella seconda metà degli anni sessanta legato all’esaurimento della creatività degli autori. Il calo nelle vendite si concretizza con la cancellazione di Doctor Strange e Nick Fury, Agent of S.H.I.E.L.D. e, nel tentativo di riprendere lettori la Marvel cerca di puntare ancora sul genere romantico per adolescenti con la serie My Love oltre all’horror con due serie quali Tower of Shadows e Chamber of Darkness.

Anni settanta

Negli anni settanta la Marvel comincia a pubblicare altri tipi di fumetti come il fantasy di Conan il barbaro, quelli horror (con titoli quali Uomo Cosa, La Tomba di Dracula, Ghost Rider, Tomb of Dracula, Werewolf by Night, The Monster of Frankenstein) e di arti marziali (con la serie Shang-Chi) cercando di uscire dalla crisi che stava attanagliando il mercato americano.

Anni ottanta

Nel decennio degli anni ottanta la Marvel entra in una nuova fase di rinnovamento artistico pubblicando opere rivoluzionarie e proponendo una versione crepuscolare e tormentata dei supereroi, consolidando alcuni popolari anti-eroi tra cui il Devil, il Punitore. Viene creata la Epic Comics. Inoltre, su licenza della Hasbro, vengono realizzate storie dedicate ai famosi mecha Transformers ed al gruppo militare G.I. Joe.

Anni novanta

Con l’arrivo degli anni novanta la Marvel viene acquistata dal miliardario Ron Perelman e passa dai 5 milioni di copie degli X-Men alla chiusura di sedici testate in pochi mesi tra il 1993 e il 1994. Viene creata la linea Marvel 2099 e la linea Ultraverse, che non riescono ad entrare in sintonia con i nuovi gusti del pubblico abituato ai manga e ai nuovi fumetti pubblicati dalla Image Comics.

Anni duemila

Nel nuovo secolo fa parte della Disney e continua a pubblicare albi a fumetti con i suoi eroi più importanti, gestita da Joe Quesada, che ha anche varato diverse nuove iniziative editoriali come l’universo Ultimate, dove sono presentate delle versioni rinnovate degli eroi classici, o il Marvel Manga, dove gli eroi Marvel sono interpretati in chiave manga da artisti che hanno acquisito uno stile simile a quello giapponese; pubblica fumetti dell’universo di Star Wars, de Il Pianeta delle Scimmie, e in seguito all’acquisizione della Disney, anche Topolino.